Herpes: cause, sintomi, trattamento e prevenzione

04/11/2021 - Nella categoria I consigli del tuo farmacista

I consigli del tuo farmacista

L'herpes è una malattia comune che colpisce più spesso l'area intorno alle labbra. Essere infettati dal virus dell'herpes significa la sua presenza nel corpo per il resto della propria vita. Tuttavia, le ricadute indotte possono essere efficacemente trattate con farmaci antivirali orali e preparati topici.

Che cos'è l'herpes e cosa lo causa

Esistono due tipi di virus Herpes Simplex (HSV): HSV-1 e HSV-2, che secondo la nuova nomenclatura sono indicati come virus dell'herpes umano alfa 1 e alfa 2. Si stima che fino al 90% della popolazione abbia avuto contatti con questo virus, sebbene un'ampia percentuale di persone non abbia sviluppato sintomi della malattia. Tuttavia, queste persone sono portatrici del virus dell'herpes e possono trasmetterlo a persone sane.

Il virus che è entrato nell’organismo rimane dormiente fino alla fine della vita dell'ospite. Il virus HSV-1 viaggia più spesso al ganglio trigemino e il virus HSV-2 al ganglio lombosacrale. Sotto l'influenza di vari fattori, il virus HSV viene riattivato e si sviluppa un'infiammazione erpetica della pelle ,delle mucose o di altri organi.

L'herpes è una malattia comune che è asintomatica in alcuni pazienti e ricorre più volte all'anno in altri. Ci sono farmaci e parafarmaci efficaci per l'herpes che sono disponibili in Farmacia e/o in Parafarmacia. Grazie a questo, i pazienti possono assumerli poco dopo i primi sintomi dell'infezione. I preparati locali per l'herpes mascherano antiestetiche vesciche sulle labbra, grazie alle quali migliorano la qualità della vita dei pazienti.

Quanti tipi di herpes esistono?

L'herpes della bocca e l'herpes labiale sul viso sono più spesso causati da HSV-1 (Herpes simplex virus-1). L'infezione da HSV-2 (Herpes simplex virus-2) di solito causa herpes genitale e anale. Gli studi indicano però che il virus dell'herpes labiale può quindi diffondersi ai genitali e causare un'infezione. L'infiammazione erpetica della bocca è di gran lunga la forma più comune di infezione. Gli altri tipi di herpes includono:

  • Infezione della mucosa orale, delle tonsille e della gola - questo è tipico per il primo contatto con il virus. Le eruzioni nei bambini compaiono più spesso sulla lingua e sulla mucosa orale;
  • L'infezione primaria negli adulti è solitamente associata a faringite acuta e tonsillite;
  • Herpes genitale: le vesciche sono visibili nella donna sulle labbra e sul perineo. Negli uomini, le eruzioni compaiono principalmente sul pene;
  • Infiammazione erpetica degli organi visivi;
  • Encefalite erpetica o meningite.

La prima infezione da herpes è solitamente più grave. I sintomi generali come febbre, mal di testa e malessere compaiono più spesso. Le ricadute dell'infezione sono generalmente più lievi e durano meno. Vale la pena aggiungere, tuttavia, che nella stragrande maggioranza dei casi non sono presenti sintomi di infezione primaria. Così tante persone potrebbero non essere nemmeno consapevoli di avere l'HSV nel loro corpo fino a quando non recidiva e sviluppa le caratteristiche vesciche. Solo in circa il 10% dei casi sono presenti sintomi legati all'infezione primaria.

Quali prodotti scegliere?

Ecco alcuni prodotti selezionati e consigliati da Farmadea da utilizzare in caso da herpes:

Infezione da herpes: come si manifesta?

L'herpes può essere contratto indipendentemente dall'età e dal sesso. Anche i neonati possono essere infettati durante il parto. L'infezione da HSV-1 si verifica più spesso nei bambini di età compresa tra 1 e 5 anni. Il secondo tipo di virus colpisce solitamente adolescenti e adulti. Il virus si trasmette facilmente attraverso il contatto diretto con le secrezioni del paziente: lacrime, saliva o secrezioni genitali. Un altro modo di penetrazione di questo agente patogeno è il contatto con oggetti che sono stati precedentemente toccati dal vettore del virus. L'infezione si verifica anche a seguito di rapporti sessuali.

Il virus dell'herpes presente nel corpo sotto l'influenza di determinati stimoli viene riattivato. Tuttavia, questo non è lo stesso della comparsa di eruzioni e altri disturbi. Nella maggior parte dei pazienti, l'infezione riattivata è asintomatica. Il virus è quindi presente nelle secrezioni del paziente, ma lui stesso non avverte alcun sintomo di infezione. Tuttavia, è facile trasmettere l'agente patogeno e infettare altre persone. La ricaduta dell'infezione è solitamente causata da fattori quali:

  • abbassamento delle difese immunitarie;
  • infezioni del tratto respiratorio superiore;
  • gravidanza;
  • ciclo mestruale;
  • stress ;
  • esposizione solare prolungata;
  • disidratazione;
  • lesioni in prossimità della bocca.

Quali sono i sintomi dell'herpes?

L'infezione primaria, sebbene causi sintomi solo in circa il 10% dei pazienti, si sviluppa in modo dinamico ed è di natura più generale. Il paziente può sviluppare febbre, linfonodi ingrossati, grave debolezza, nausea e perdita di appetito. Inoltre, nei bambini, la prima infezione si presenta più spesso con un'infiammazione acuta della mucosa orale e delle gengive. Piccole vesciche che si formano all'interno e intorno alla bocca possono fondersi e portare a piaghe dolorose.

Negli adulti, la prima esposizione al virus, oltre ai sintomi generali, può provocare vescicole più vicine alla gola e alle tonsille. La ricorrenza dell'infezione è molto meno intensa, dura meno e i sintomi sono solitamente limitati a eruzioni attorno e sulle labbra. Queste eruzioni, dopo alcuni giorni, scoppiano, rivelando un'erosione, per poi formare  una crosta. Dopo 3-4 giorni, la lesione si chiude e la crosta cade. Nel caso dell'herpes genitale, lo sviluppo di un'infezione ricorrente è simile. I sintomi sistemici sono generalmente assenti e all'inizio il paziente può avvertire solo dolore, prurito o sensazione di bruciore. 

Herpes labiale: come trattarlo?

I sintomi dell'herpes possono scomparire da soli entro 1-2 settimane. Tuttavia, molti specialisti concordano sul fatto che vale la pena curare l'herpes. L'uso di farmaci antivirali e altri preparati riduce la durata dei sintomi e allevia significativamente gli spiacevoli disturbi. Ciò è associato a un minor disagio per i pazienti e a un miglioramento della loro qualità di vita. Inoltre, molti degli agenti utilizzati nel trattamento hanno un alto profilo di sicurezza. Nella maggior parte dei casi, l'herpes labiale può essere curato nell’autonomia del paziente. Tuttavia, se i sintomi sono gravi o persistono nonostante il trattamento bisogna consultare il medico. Questo vale anche per le infezioni primarie che richiedono una diagnosi corretta. Il trattamento si basa sull'uso di preparati orali o topici per alleviare i sintomi della malattia. Attualmente non esiste un farmaco in grado di eliminare completamente il virus e prevenire le ricadute. I farmaci antivirali orali sono i più efficaci nell’inibizione e la moltiplicazione dei virus. Di solito si usa l'aciclovir, meno spesso il valaciclovir. L'aciclovir è ben tollerato dai pazienti ed è considerato un farmaco sicuro per l'herpes. Il trattamento con aciclovir è più efficace se viene avviato il prima possibile dopo la comparsa dei sintomi della ricaduta: dolore, bruciore o formicolio. La terapia non dovrebbe iniziare oltre il giorno in cui compaiono le eruzioni. I farmaci antivirali da banco vengono utilizzati più volte al giorno, a seconda della dose. La durata del trattamento è di 5 giorni. 

Quali farmaci topici utilizzare?

I preparati topici per l'herpes sono disponibili sotto forma di creme, unguenti e gel. La composizione include una sostanza antivirale o la sua combinazione con uno steroide. Si ritiene che l'applicazione topica di farmaci antivirali sia meno efficace della terapia orale.

D'altra parte però, tali preparati riducono anche la durata dei sintomi associati all'herpes. Questa forma di trattamento è preferita dai pazienti che non desiderano utilizzare compresse e scelgono farmaci topici.

Un importante metodo di trattamento è l'uso di cerotti per l'herpes con un gel idrocolloide, ad esempio Compeed. Crea uno strato protettivo sulla superficie della vescica, che da un lato crea condizioni favorevoli per la guarigione della pelle, e dall'altro limita la diffusione del virus stesso. Un cerotto, un gel o un liquido per l'herpes labiale aiuta a guarire le erosioni più velocemente e allevia i sintomi come prurito, dolore e formicolio. Inoltre, i cerotti per l'herpes sono molto discreti e mascherano delicatamente le vesciche sulle labbra. Questo è molto importante perché l'herpes labiale è spesso un problema imbarazzante che riduce la fiducia in se stessi e nella socialità. È vantaggioso combinare farmaci orali con preparati topici per il trattamento dell'herpes ricorrente.

Rimedi casalinghi per l'herpes labiale

Nel trattamento dell'herpes lieve, è possibile utilizzare unguento all'ossido di zinco e olio essenziale di melissa. Puoi anche usare camomilla, timo, corteccia di salice e equiseto, che hanno un effetto antinfiammatorio e limitano lo sviluppo dell'infezione. La tintura di melissa inibisce la moltiplicazione dei virus dell'herpes senza danneggiare le cellule sane della pelle. Alcuni pazienti usano anche impacchi di cipolla, aloe o aglio. L'efficacia dei rimedi casalinghi per sbarazzarsi dell'herpes è difficile da determinare. Tuttavia, questi sono metodi sicuri e se chi ne soffre è alla ricerca di rimedi naturali per l'herpes labiale, può provarli. Quando i sintomi persistono, vale la pena ricorrere a farmaci comprovati e preparati topici per alleviare disturbi spiacevoli.

Herpes: come evitare l'infezione?

Attualmente non è possibile curare completamente l'herpes. A causa del fatto che gli anticorpi contro i virus dell'herpes si trovano in circa il 90% della popolazione, è difficile proteggersi dalle infezioni. Tuttavia, è possibile ridurre il rischio di trasmissione del virus, ad esempio osservando le norme igieniche. Non utilizzare le stesse posate, tazze, rossetti o altri oggetti personali impedisce il trasferimento di una varietà di microbi su altri individui. Andrebbero anche evitare rapporti sessuali non protetti. È importante prendersi cura del proprio sistema immunitario in ogni momento, poiché un declino dell'immunità è uno dei fattori di rischio per la ricaduta. Una sana alimentazione del corpo e una regolare attività fisica sono alla base di un forte sistema immunitario. In estate vale anche la pena utilizzare regolarmente un balsamo labbra protettivo con filtro UV.

Se la malattia si ripresenta molto spesso o è particolarmente fastidiosa per il paziente, si può applicare un trattamento profilattico con sostanze antivirali. Il trattamento dura da diversi mesi fino anche diversi anni. Riduce il rischio di recidiva, migliorando così la qualità della vita di questi pazienti.

Eventuali complicazioni

L'herpes è particolarmente pericoloso per il feto in via di sviluppo e i neonati. L'infezione materna primaria è più pericolosa per il feto rispetto all'infezione ricorrente. Infettare una donna incinta con l'herpes può portare allo sviluppo di molte malattie e malformazioni in un bambino. Epilessia, microcefalia, irite e glaucoma sono alcune delle possibili complicanze. Ci possono essere anche morte fetale intrauterina, aborto spontaneo o parto prematuro. La trasmissione del virus al bambino durante il periodo perinatale provoca la comparsa dei sintomi tipici dell'herpes nel bambino. L'infezione può essere dinamica, intensiva e comporta il rischio di numerose complicazioni tra cui encefalite ed epatite che possono essere fatali.

La prognosi per le persone con un sistema immunitario funzionante è buona, anche con un'infezione primaria. La malattia è associata a una bassa mortalità, che colpisce più spesso i neonati, i pazienti che hanno sviluppato l'encefalite erpetica e le persone con grave immunodeficienza. È importante che un medico riconosca rapidamente la malattia e che venga attuato un trattamento appropriato.

Herpes labiale, fuoco di Sant'Antonio e varicella: che legame c'è?

I virus che causano l'herpes, la varicella e l'herpes zoster appartengono a una famiglia di Herpesviridae. La loro caratteristica comune è la capacità di essere silenti. Il virus della varicella (VZV, virus della varicella zoster ) entra in uno stato di latenza dopo essere stato indotto. Sotto l'influenza di alcuni fattori, si riattiva, causando l'herpes zoster. Tutte e tre le condizioni possono essere trattate con successo con preparati antivirali che dovrebbero essere assunti il prima possibile dopo la comparsa dei primi sintomi. Tutte queste infezioni virali sono associate a caratteristiche eruzioni cutanee.