Quando assumere i probiotici?

19/11/2021 - Nella categoria I consigli del tuo farmacista

I consigli del tuo farmacista

Nell'intestino di una persona in salute ci sono quasi 1.000 specie di ceppi batterici. Questi costituiscono il microbiota del tratto gastrointestinale (il termine microbiota, o microbioma, usato oggigiorno, sostituisce il termine flora batterica precedentemente utilizzato, che si riferisce al mondo vegetale). I microbi, se opportunamente bilanciati, sono benefici per la salute, non solo per l'apparato digerente, ma anche per il sistema immunitario e per la salute della pelle. Sempre più studi suggeriscono che la disbiosi, cioè i disturbi nel microbioma, porti molti tipi di patologie, comprese le allergie, la sindrome dell'intestino irritabile e persino l'obesità. Si scopre che il microbioma delle persone allergiche o in sovrappeso è significativamente diverso dal microbioma delle persone che non hanno problemi di allergie o peso corporeo in eccesso.

Cosa sono i probiotici?

I probiotici sono batteri vivi o lieviti che, se somministrati nella giusta quantità, hanno un effetto benefico sul corpo umano. Agiscono nello stomaco o nell'intestino con una funzione protettiva proteggono dall'attacco di microbi patogeni. In questo modo riusciamo a difenderci dalle spiacevoli conseguenze (diarrea e vomito) delle infezioni gastrointestinali; a condizione, però, che ci siano abbastanza batteri “buoni”.

I microrganismi probiotici sono:

  • Batteri produttori di acido lattico dei generi Lactobacillus
  • Lieviti Saccharomyces boulardii
  • Fonti di probiotici naturali possono essere prodotti alimentari (ad esempio yogurt, kefir, latticello), latte artificiale, integratori alimentari o preparati farmaceutici.

L'insilato è una ricca fonte di probiotici. L'acido lattico, ricco nei prodotti in salamoia, aiuta la digestione, purifica e disintossica l'organismo. Anche i batteri probiotici partecipano al processo di fermentazione. I ceppi di questi microrganismi che sono estremamente utili per l'uomo hanno un effetto positivo sulla flora intestinale: rimuovono le tossine e proteggono dalle micosi. Di conseguenza, sono di grande importanza per l'immunità dell’organismo e aiutano a combattere le infezioni.

I prodotti contenenti insilato ripristinano l'equilibrio acido-base nel corpo. Hanno anche proprietà antitumorali: gli isotiocianati ad esempio vengono prodotti durante la fase fermentazione. A sua volta, l'acetilcolina contenuta nel succo di insilato aiuta a regolare la pressione sanguigna.

Quando bisogna usare gli integratori probiotici?

Durante la terapia antibiotica, è bene adoperare un integratore alimentare contenente batteri probiotici . Questi ultimi sono disponibili in farmacia e in parafarmacia. Possiamo scegliere tra diverse forme farmaceutiche: capsule, compresse,  bustine granulari e gocce orali (per bambini). Una singola dose di un preparato probiotico contiene da 10 9 a 10 11 batteri probiotici.

Se il medico consiglia di assumere l'antibiotico due volte al giorno, anche il probiotico deve essere usato due volte al giorno. Il trattamento probiotico deve essere esteso a 1-2 settimane dopo la fine della terapia antibiotica. Avremo quindi la certezza che i batteri di difesa nello stomaco e nell'intestino indeboliti dall'antibiotico si siano rinforzati in modo decisivo.

Tuttavia, l'effetto protettivo dei probiotici, essenziali durante la terapia antibiotica, non è l'unico. Oltre a prevenire la colonizzazione dell'intestino da parte di batteri patogeni, i probiotici regolano il passaggio intestinale, stabilizzano il microbiota, partecipano alla produzione di vitamine e alla risposta immunitaria.

Le indicazioni per l'uso dei probiotici sono:

  • gastroenterite acuta;
  • diarrea con antibiotici
  • diarrea del viaggiatore
  • sindrome dell'intestino irritabile
  • colite ulcerosa
  • durante la remissione nella malattia di Crohn
  • dermatite atopica
  • asma

Quale probiotico bisogna scegliere?

Per intraprendere la giusta terapia, andrebbe sempre consultato un medico o ancora meglio un farmacista.  Uno dei batteri probiotici più studiati è il Lactobacillus GG, che aiuta, tra le altre cose, ad evitare la diarrea durante la terapia antibiotica e ridurre anche il rischio di carie nei bambini. 

La dose terapeutica giornaliera raccomandata di ceppi assunti  varia da 3 a 20 miliardi di colonie batteriche. La somministrazione del preparato deve essere preceduta da un consulto medico e dalla lettura del foglio illustrativo. È anche importante scegliere la preparazione in base all'età. Quelle per bambini si differenziano dalle preparazioni per adulti.

Integratori probiotici consigliati

Probiotici per diarrea, rotavirus e flatulenza

Il trattamento profilattico con probiotici deve essere utilizzato prima e durante i viaggi all'estero, in particolare nei paesi asiatici e africani. Gli abitanti di regioni lontane del mondo hanno una flora batterica che differisce significativamente dalla nostra.

Vale la pena somministrare una preparazione probiotica in caso di infezioni da rotavirus, che possono essere gravi nei neonati e nei bambini piccoli. Vale anche la pena ricorrere ai probiotici in caso di disturbi digestivi diffusi, come la stitichezza, perché è noto che la corretta flora batterica determina il buon funzionamento del tratto digerente. Infatti i probiotici migliorano la peristalsi intestinale e aumentano l'assorbimento dei nutrienti. Inoltre alleviano i sintomi dell'intolleranza al lattosio (zucchero del latte). Le bevande a base di latte fermentato contenenti batteri probiotici (yogurt e kefir) non causano tali sintomi.

I gastroenterologi affermano che uno squilibrio dell'equilibrio batterico nell'intestino è anche la causa del gas persistente nell’intestino. I preparati contenenti Lactobacillus Plantarum 299v hanno un effetto documentato nell'alleviare la flatulenza. L'inclusione di un probiotico appropriato in un trattamento volto a eliminare il batterio Helicobacter pylori (che causa gastroenterite e ulcera peptica) aumenta la probabilità di successo del trattamento e protegge dai suoi effetti collaterali.

Quali probiotici usare per il colesterolo alto

I batteri "buoni" aiutano anche le persone con elevati livelli di colesterolo nel sangue, a rischio di aterosclerosi, infarto e ictus. Possono ridurre l'assorbimento dei grassi nell'intestino, abbassando così i livelli di colesterolo.

Stimolano anche il funzionamento del sistema immunitario, grazie al quale possono ridurre la probabilità di infezioni, cancro e malattie autoimmuni. È anche noto che la somministrazione di alcuni ceppi di lattobacilli a soggetti allergici può inibire lo sviluppo di malattie allergiche e supportarne il trattamento. I probiotici sono un argomento di ricerca scientifica estremamente attuale: I ricercatori di tutto il mondo si chiedono come sfruttare ancora meglio il loro potenziale per trattare una varietà di patologie.

Probiotici e profilassi

Lo spettro d' azione dei probiotici è estremamente ampio e non si limita solo alla cura della diarrea o dei problemi gastrici. Questi preparati, per definizione, hanno un effetto benefico sul corpo umano ripristinando l'omeostasi nell'ecosistema intestinale. Quindi, quando prendere un probiotico e può essere usato a scopo profilattico? Numerosi studi condotti negli anni confermano che l'assunzione regolare di microrganismi opportunamente selezionati può avere un effetto molto benefico sul sistema immunitario. I ceppi probiotici competono con i patogeni presenti nell'intestino, mantenendo così la corretta composizione dell'intero microbiota. Quindi, l'uso dei probiotici per la stitichezza  non sorprende nessuno, ma vale la pena ricordare che la maggior parte della nostra immunità proviene dall'intestino e dipende dal loro buono stato. È stato inoltre dimostrato che l' assunzione di probiotici può essere un elemento importante nella prevenzione della depressione riducendo l'infiammazione cronica dell'intestino causata dallo stress. Questo è importante perché la maggior parte dell' "ormone della felicità" , o serotonina, viene prodotta nell'intestino.

Quante volte al giorno possono essere assunti i probiotici?

La maggior parte dei probiotici in commercio può essere assunta giornalmente. Tuttavia, vale la pena dare un'occhiata alla propria alimentazione e ricordare che i probiotici naturali sono presenti in molti prodotti utilizzati quotidianamente in cucina. Innanzitutto negli insilati e nelle bevande a base di latte fermentato, come kefir, yogurt, latte acido, in cui sono presenti grandi quantità di batteri lattici (Lactobacillus acidophilus).

Quante volte al giorno usare un probiotico dipende principalmente dal tipo di preparato che decidiamo. Queste informazioni si trovano solitamente sulla confezione. Tuttavia, non troveremo alcuna raccomandazione rigida al riguardo. Molto dipende dallo scopo per il quale vogliamo utilizzar. Per quanto riguarda i  probiotici per bambini  , il regime posologico è solitamente tale da consigliare una singola somministrazione giornaliera.

  • Probiotici prima o dopo aver mangiato

I microrganismi con proprietà probiotiche hanno una sopravvivenza molto più lunga se somministrati con un pasto. Prendere il probiotico a stomaco vuoto con la sola acqua sembra essere meno proficuo. Sulla base della ricerca, è stato riscontrato che il pH fortemente acido dello stomaco, danneggiando la capsula, può danneggiare anche i microrganismi in essa contenuti. Infatti il pasto è una sorta di protezione contro gli effetti dei succhi digestivi. È stato dimostrato che i migliori risultati si ottengono quando i piatti consumati con il probiotico contengono almeno una piccola quantità di grassi. Naturalmente, molto dipende anche dal tipo di ceppo batterico. E’ assolutamente necessario ricordarsi di non assumerlo con liquidi caldi e, se richiede una preventiva sospensione in acqua, dovrà essere a temperatura ambiente. 

  • Quando prendere un probiotico:  mattina o sera

Non esiste una risposta chiara alla domanda su quando sia meglio assumere un probiotico . Se deve essere assunto in dose singola, allora è meglio prenderlo la sera, perché la peristalsi intestinale rallenta notevolmente durante il sonno e i batteri possono colonizzare maggiormente l'intestino. Quando la preparazione richiede due dosi, va presa al mattino e alla sera.

  • Per quanto tempo prendere un probiotico

Molte persone si chiedono per quanto tempo possono assumere i probiotici. Si presume che il trattamento con i probiotici dovrebbe durare non meno di 2-3 mesi consecutivi, anche se molto dipende dal motivo del loro uso. Per ricostruire il microbiota intestinale, vale la pena scegliere preparati multiceppo, nonché simbiotici che sono una combinazione di un prebiotico e un probiotico.

Sovradosaggio di probiotici

I probiotici di solito non causano effetti collaterali gravi nelle persone sane. Tuttavia, alcuni ricercatori indicano un legame tra la crescita eccessiva della microflora intestinale e la possibilità di aumento di gas, gonfiore, costipazione e disagio addominale generale. Questa condizione è nota come "sindrome SIBO" ed è associata a una degradazione troppo rapida dell'acido D-lattico contenuto negli alimenti da parte di grandi masse di batteri. La decisione su quando assumere un probiotico , se non richiesto da specifiche condizioni di salute, dovrebbe essere consultata con un medico o un farmacista.